AUTORI

Francesco Rosi

Regista e sceneggiatore, ha girato più di venti film. Dopo aver abbandonato gli studi universitari a nove esami per la laurea in Giurisprudenza, si afferma come illustratore di libri per l'infanzia. Contemporaneamente collabora a 'Radio Napoli' dove stringe amicizia con altri giovani di belle speranze, (Raffaele La Capria, Giuseppe Patroni Griffi, Aldo Giuffrè) con cui si ritroverà spesso a lavorare nel corso della sua carriera. Nel 1946 si avvicina al mondo dello spettacolo come assistente di Ettore Giannini. In seguito è aiuto regista di Luchino Visconti per La terra trema (1948). Fino alla metà degli anni '50 alterna l'attività di aiuto regista, soggettista e sceneggiatore anche dopo aver personalmente diretto alcune sequenze di Camicie rosse (Goffredo Alessandrini,1952). L'esordio nella regia è del 1958 con La sfida. Presentato alla Mostra di Venezia dello stesso anno, il film ottiene il Premio speciale della Giuria e registra subito una buona accoglienza da parte del pubblico. Successo ripetuto l'anno dopo con I magliari (1959) tra i cui attori spicca Alberto Sordi. Nel 1961 inaugura il genere dei film-inchiesta italiani con Salvatore Giuliano. Nel 1963 vince il Leone d'Oro con Le mani sulla città (1963). Dopo tante opere di impegno civile, strettamente collegate ai fatti della cronaca, nel 1967 si concede un volo verso orizzonti da favola. Per l'occasione dirige due grandi star come Sophia Loren e Omar Sharif. Dopo questo 'intermezzo', negli anni '70 torna al cinema e realizza la versione cinematografica del romanzo autobiografico di Carlo Levi, Cristo si è fermato a Eboli (1978). Nello stesso anno adatta per il cinema Cronaca di una morte annunciata (di Gabriel Garcia Marquez). Dieci anni più tardi, grazie a Martin Scorsese che lo aiuta a trovare i finanziamenti, riesce finalmente a realizzare quel sogno (La tregua, 1996) che ha diviso però la critica e non ha ottenuto il successo di pubblico sperato. Forse per dimenticare quell'insuccesso Rosi nel 2003 è tornato alla regia teatrale con 'Napoli milionaria' di Eduardo De Filippo. Tra il 2008 e il 2009 Francesco Rosi ottiene tanti riconoscimenti nel mondo e molti festival italiani e stranieri gli dedicano delle retrospettive. Tra i premi più importanti l' Orso d'oro alla carriera al festival di Berlino nel 2008, la Legione d'onore nel 2009 e il Leone alla carriera alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia nel 2012.

Guarda il Video

DELIA Agenzia Letteraria -Via Roma, 16 84121 Salerno - P.IVA 00758920656